Lista degli Artisti

Paolo Quaresima

Foto Paolo Quaresima
INTERVISTA DI ARTEVARESE: Paolo Quaresima, cantore delle piccole cose
Impareggiabile cantore delle piccole cose della quotidianità, Paolo Quaresima fa propri gli oggetti e i materiali del quotidiano con l’abilità di un prestigiatore. Il metallo lucido, la porcellana appena sbeccata, i riflessi baluginanti di uno specchio d’acqua, la grana ruvida di una tappezzeria balzano fuori dalle sue tavole ancora più veri del vero, toccando corde percettive che nemmeno credevamo di possedere. Bandito dall’inquadratura, l’uomo è qui assenza presente, indiscusso protagonista raccontato nei piccoli riti quotidiani attraverso l’impronta che di lui rimane sul mondo con il quale è venuto a contatto.

Nasce nel 1962 a Merano, BZ. Terminato il liceo classico si diploma nel 1988 all’Accademia di Belle Arti di Venezia e da allora si dedica interamente alla pittura. Negli ultimi anni dell’indagine pittorica di Quaresima ci sono gli oggetti. Oggetti, più che nature morte, perché con questi dipinti lo sguardo si allarga agli strumenti feriali della vita, agli utensili delle giornate. A partire dal 1987 realizza numerose mostre personali e collettive e partecipa a fiere in tutta Italia e in Europa. Dal 2008 è presente a tutte le edizioni di Arte Fiera Bologna. Vive e lavora a Merano.

Mostre personali:

2015
La re-invenzione del quotidiano, White Room Gallery, Capri – Napoli (IT)
Palcoscenico quotidiano, Museo Civico, Chiusa, Bolzano (IT)

2014
L'invenzione del quotidiano, Square Gallery, Positano (IT)
Assenza Essenza – Massagrande, Nielsen, Quaresima, Galleria PUNTO SULL'ARTE, Varese (IT)

2013
Indizi giornalieri, Galleria Forni, Bologna (IT)

2012
Circola nei lavorativi, Palazzo Guidobono, Tortona - Alessandria (IT)

2010
Orario feriale, Galleria delle Visioni, Piacenza (IT)

2009
Mari e moli, Galleria Forni, Bologna (IT)

2007
Presenze e assenze, Galleria Agoràrte, Milano (IT)

2000
Galleria Quadrum, Dossobuono, Verona (IT)

1999
Galleria civica Vecchie Terme, Merano – Bolzano (IT)
Steghof, Naturno, Bolzano (IT)
Galleria Renata Gualtieri, Cesenatico, Forlì (IT)

1998
Galleria Quadrum, Imola – Bologna (IT)

1997
Galleria La loggia, Sansepolcro – Arezzo (IT)
Galleria civica Vecchie Terme, Merano – Bolzano (IT)

1996
Galleria d'arte della Banca Popolare di Milano, sede di Parma, Parma (IT)
Galleria d'arte della Banca Popolare di Milano, sede di Firenze, Firenze (IT)

1995
Galleria civica Vecchie Terme, Merano – Bolzano (IT)
Galleria Quadrum, Imola – Bologna (IT)

1994
Galleria Prisma, Verona (IT)
Galleria civica di Bolzano, Bolzano (IT)

1993
Galleria d'arte della Banca Popolare, Merano – Bolzano (IT)

1991
Galleria civica Vecchie terme, Merano – Bolzano (IT)

1990
Galleria civica Hartmannsheim, Bressanone – Bolzano (IT)

1989
Terme di Merano, Bolzano (IT)

1987
Galleria d'arte della Banca Popolare, Merano – Bolzano (IT)


Mostre collettive:

2017
ArteGenova, Galleria PUNTO SULL'ARTE, Genova (IT)
MAM Mostra a Milano, Galleria PUNTO SULL'ARTE, Milano (IT)
Paesaggi, Galleria delle Visioni, Piacenza (IT)
Arte Fiera Bologna, Galleria FORNI, Bologna (IT)

2016
Bologna e i suoi sguardi, Galleria Forni, Bologna (IT)
Context, Liquid Art System, Miami (US)
5 Anni | Classico Contemporaneo, Galleria PUNTO SULL'ARTE, Varese (IT)
ArtVerona, Galleria FORNI, Verona (IT)
Costellazioni, Galleria delle Visioni, Piacenza (IT)
<20 15x15/20x20 Collezione PUNTO SULL'ARTE 2016, Galleria PUNTO SULL'ARTE, Varese (IT)
Liquid Art System's newest showroom in London, White Room, Londra (UK)
Arte Piacenza, Galleria delle Visioni, Piacenza (IT)
ArteGenova, Galleria PUNTO SULL'ARTE, Genova (IT)
Arte Fiera Bologna, Galleria FORNI, Bologna (IT)

2015
<20 15x15/20x20 Collezione PUNTO SULL'ARTE 2015, Galleria PUNTO SULL'ARTE, Varese (IT)

2014
Artefiera Bologna, Galleria Forni, Bologna (IT)

2013
Di bianco e d'inverno, Galleria delle Visioni, Piacenza (IT)
ArteCremona, Galleria delle Visioni, Cremona (IT)
ArtePiacenza, Galleria delle Visioni, Piacenza (IT)
… e la barca va, Galleria Forni, Bologna (IT)
Arte in terapia, Galleria Gagliardi, Spoleto (IT)
La bellezza necessaria, 64° Premio Michetti, Francavilla al Mare – Chieti (IT)
Boccadirosa, Galleria delle Visioni, Piacenza (IT)
Lassù sulle montagne, Galleria Forni, Bologna (IT)
Tiozzo e la sua scuola, Museo cà Robegan, Treviso (IT)

2012
Artefiera Bologna, Galleria Forni, Bologna (IT)
ArteGenova, Galleria delle Visioni, Genova (IT)
Out of the blue, Galleria Forni, Bologna (IT)
Grandi formati 2, Galleria delle Visioni, Piacenza (IT)
ArtVerona, Galleria Forni, Verona (IT)
ArtePiacenza, Galleria delle Visioni, Piacenza (IT)

2011
Artefiera Bologna, Galleria Forni, Bologna (IT)
Segno e colore nel paesaggio contemporaneo 2, Galleria delle Visioni, Piacenza (IT)
Finis Valtellinae, Palazzo Pretorio, Sondrio (IT)
Landscape, Museo Civico, Chiusa – Bolzano (IT)
Il mito del vero, Situation, Spazio Guicciardini, Milano (IT)
Il mito del vero, Situation, Palazzo Guidobono, Tortona – Alessandria (IT)
ArtVerona, Galleria Forni, Verona (IT)
Artepadova, Galleria delle Visioni, Padova (IT)
Nature redivive, Palazzo Guidobono, Tortona – Alessandria (IT)

2010
Artefiera Bologna, Galleria Forni, Bologna (IT)
FIGURazione, Galleria delle Visioni, Piacenza (IT)
C. B. Tiozzo e allievi, Scorzè, Venezia (IT)
Il mito del vero, il ritratto e il volto, Palazzo Durini, Milano (IT)
Mare nostrum, Galleria Forni, Bologna (IT)
ArtVerona, Galleria Forni, Verona (IT)

2009
Artefiera Bologna, Galleria Forni, Bologna (IT)
MiArt, Galleria Forni, Milano (IT)
C. B. Tiozzo e allievi, Biadene di Montebelluna, Treviso (IT)
C. B. Tiozzo e allievi, Galleria Scrimin, Bassano del Grappa, Vicenza (IT)
ArtVerona, Galleria Forni, Verona (IT)

2008
ArtVerona, Galleria Forni, Verona (IT)

2007
ACQUA, Galleria Forni, Bologna (IT)
Nuovi realismi, LVIII Premio Michetti, palazzo S. Domenico, Francavilla al Mare – Chieti (IT)
ACQUA, Palazzo Ducale di Pavullo nel Frignano, Modena (IT)
Nuovi pittori della realtà, padiglione d'arte contemporanea (PAC), Milano (IT)

2006
Figureinposa, centro di promozione culturale "Le Muse", Andria - Bari (IT)
Figurae, Galleria Factory, Modena (IT)
Atmosfere, Centro della cultura, Merano – Bolzano (IT)
Proiezioni di donne, Spazio Eventi, Milano (IT)

2005
Altre figurazioni, Galleria Agoràrte, Milano (IT)
Altre figurazioni, Museo di arte moderna e contemporanea di Montesegale, Pavia (IT)
La figura interpretata, Galleria Agoràrte, Milano (IT)
Nel giardino della mente, A.A.C. Il ponte, Pieve di Cento, Bologna (IT)

Pubblicazioni:

  • 2011 » Pubblicazione n. 1
  • 2008 » Pubblicazione n. 2
  • 2008 » Pubblicazione n. 3
  • 2005 » Pubblicazione n. 4
  • 2004 » Pubblicazione n. 5

Alessandra Redaelli

Paolo Quaresima. La sicurezza degli oggetti

Impareggiabile cantore delle piccole cose della quotidianità, Paolo Quaresima fa propri gli oggetti e i materiali del quotidiano con l’abilità di un prestigiatore. Il metallo lucido, la porcellana appena sbeccata, la pittura parzialmente scrostata su una vecchia persiana di legno, l’intonaco del muro, i riflessi baluginanti di uno specchio d’acqua, la piega di una tovaglia, la grana ruvida di una tappezzeria balzano fuori dalle sue tavole ancora più veri del vero, toccando corde percettive che nemmeno credevamo di possedere. E restano lì, icone scolpite da una luce tagliente e implacabile. Al di là di qualsiasi sterile dibattito su pittura e fotografia, l’artista supera il senso di realtà e regala all’occhio qualcosa di unico che la fotografia non potrà mai dare. Nemmeno al massimo dell’alta definizione. L’iperrealismo si evolve qui in atmosfere metafisiche di uno splendore adamantino e diventa qualcosa di molto più profondo e stratificato, qualcosa che si potrebbe definire – magari – ultrarealismo: mondo altro e perfetto scandito in partiture cromatiche di impeccabile armonia.

Bandito dall’inquadratura, l’uomo è qui assenza presente, indiscusso protagonista raccontato nei piccoli riti quotidiani attraverso l’impronta che di lui rimane sul mondo con il quale è venuto a contatto. Basta una piccola scalfittura al bordo della caraffa per affermarne l’uso, così come la piega acuminata della tovaglia dichiara la fatica di chi l’ha stirata. L’artista, poeticamente, definisce questi piccoli segni “memorie di vite ordinarie e irripetibili; testimoni muti di emozioni, sentimenti, ansie e speranze”. E i suoi lavori ci arrivano come una galleria di ricordi preziosi, o, nelle sue parole, “scenografie di una rappresentazione eseguita.

opere dell'artista