Lista degli Artisti

Claudia Giraudo

Foto Claudia Giraudo

Claudia Giraudo si propone al pubblico con l'ambizione di creare un ponte immaginifico tra il passato, attraverso la memoria, e il presente, attraverso personaggi verosimilmente appartenenti a questo mondo ma collocati in uno spazio e in un tempo onirici. Che venga declinata in un omaggio simbolico alla produzione e alla creazione del poeta o che si materializzi nel mondo del circo e in particolare nella figura del funambolo, quello che lega tutta la produzione della Giraudo è la volontà di poetizzare la vita come forma di coincidenza tra l'immaginario e l'esistenziale, tra il desiderio e l'oggetto, seguendone ogni suo aspetto visionario.

Claudia Giraudo nasce a Torino nel 1974. Nel 2001 si laurea presso l'Accademia Albertina di Belle Arti di Torino e in seguito intraprende il suo percorso di ricerca nell'ambito della pittura figurativa formandosi attraverso lo studio delle opere dei maestri Rinascimentali e Nordeuropei; background che emerge sia nella tecnica che nella scelta dei soggetti, pur mantenendo la sua personale cifra stilistica. Espone con frequenza in fiere d'arte, gallerie private e in luoghi istituzionali pubblici. Le sue opere si trovano in collezioni permanenti ed acquisizioni museali nazionali ed internazionali, tra cui l'Harmony Art Foundation di Mumbai (India), il Museo MACIST di Biella, il Museo Eusebio di Alba (CN), la Sala del Consiglio di Bossolasco (CN) e il Museo Civico di Bevagna (PG). Ha partecipato alla Biennale di Venezia, Padiglione Italia nel 2011. Vive e lavora a Torino.

Mostre personali:

2015
Altri Cieli. Elegie del Trovatore, a cura di A. Frosini e S. Gagliardi, Museo Casa del Conte Verde, Rivoli – Torino (IT)

2014
Opere in permanenza presso Galleria Gagliardi, San Gimignano – Siena (IT)

2013
Claudia Giraudo, a cura di E. Gargioni, Galleria Davico, Torino (IT)
Effemeridi, a cura di A. D'Atanasio, Galleria Le Logge del Comune, Assisi – Perugia (IT)

2012
Opere in permanenza presso Galleria Gagliardi, San Gimignano – Siena (IT)

2011
Calligrammes, Munari Officina d'Arte, Torino (IT)
Le Parole della Luna, a cura di A. D'Atanasio, Chiesa di Santa Maria Laurentia, Bevagna – Perugia (IT)
Il Cerchio e il Circo, a cura di A. D'Atanasio, Chiostro di S. Caterina, Finalborgo, Finale Ligure, Savona (IT)

2010
Il Cielo Riflesso, Palazzo Oddo, Albenga – Savona (IT)

2009
Il Sole e la Cometa, Linea 451, Torino (IT)
Mostra Personale, Hair Déco, Torino (IT)
Il Soffio dell'Anima, Terme Reali di Valdieri, Valdieri – Cuneo (IT)



Mostre collettive:

2016
<20 15x15/20x20 | Collezione PUNTO SULL'ARTE 2016 , (catalogo), Galleria PUNTO SULL'ARTE, Varese (IT)

2015
Museo Macist, Biella (IT)
Artexpo New York, con Just Art Contemporary Art Gallery, New York (US)
Arte Cremona, con Galleria d'Arte Contemporanea Emmediarte di S. Stefano Belbo – Cuneo, Cremona (IT)
Arte Padova, con Galleria d'Arte Contemporanea Emmediarte di S. Stefano Belbo – Cuneo, Padova (IT)
Bergamo Arte Fiera, con Galleria d'Arte Contemporanea Emmediarte di S. Stefano Belbo – Cuneo, Galleria Ess&rre di Roma, Bergamo (IT)

2014
Artexpo New York, con Just Art Contemporary Art Gallery, New York (US)
Pinocchio, a cura di C. Pesce, Villa Vidua, Conzano – Alessandria (IT)
Percorsi D'arte, con Galleria d'Arte Contemporanea Emmediarte, Sale dell'Agostiniana, Roma (IT)
Arte Padova, con Galleria d'Arte Contemporanea Emmediarte di S. Stefano Belbo – Cuneo, Padova (IT)
Bergamo Arte Fiera, con Galleria d'Arte Contemporanea Emmediarte di S. Stefano Belbo – Cuneo, Bergamo (IT)

2013
Ordine al Caos, a cura di A. Soricaro, Galleria ZeroUno, patrocinio Fondazione G. De Nittis, Barletta (IT)
Muse, a cura di A. D'Atanasio e S. Gagliardi, Galleria Gagliardi, San Gimignano – Siena (IT)

2012
Mettiamo Le Opere in Comune, Museo Civico Eusebio, Alba – Cuneo (IT)
Bossolasco e Dintorni di Langa. Natura, Vita, Leggenda, Sala del Consiglio, Bossolasco – Cuneo (IT)
Nuovi Talenti Surreali, a cura di E. Gargioni, Galleria Davico, Torino (IT)
Art Innsbruck, Fiera d'Arte Internazionale, Galerie Unique di Torino, Innsbruck (AT)

2011
54. Biennale di Venezia, Padiglione Italia, a cura di V. Sgarbi, Palazzo delle Esposizioni Torino (IT)
In Chartis Mevaniae, a cura di A. D'Atanasio, Museo civico di Bevagna, Bevagna, Perugia (IT)
Premio Internazionale Spoleto Festival Art 2011, a cura di A. Trotti, Spoleto – Perugia (IT)
Torino Arte 150, a cura di S. Sottile, Palazzo Barolo, Torino (IT)

2010
Venezia Misteriosa, a cura di A. D'Atanasio, Cà Zanardi, Venezia (IT)
Mom & Kids, a cura di FalpaPromozioneArte, Migheli Arte, Frida Arte, Sala Murat, Piazza del Ferrarese – Bari (IT)
Agrigento Arte Vi Edizione, Mostra Internazionale d'Arte Contemporanea, Agrigento (IT)
Gli Universi di Bottega Indaco, a cura di F. Bogliolo, Palazzo Oddo, Albenga – Savona (IT)
Solchi, Teatro Vittoria, Torino (IT)
Vit Arte, con Galleria Ess&rre di Ostia, Viterbo (IT)
Arte Cremona, con Galleria Ess&rre di Ostia, Cremona (IT)

2009
Bergamo Arte Fiera, con Galleria Ess&rre di Ostia, Bergamo (IT)
Immagina 2009, Fiera d'Arte di Reggio Emilia, con Galleria Ess&rre di Ostia, Reggio Emilia (IT)
Contemporanea 2009, Fiera d'Arte di Forlì, con Galleria Ess&rre di Ostia, Forlì (IT)
Meno Male, Teatro Vittoria, Torino (IT)

2008
Arteindaco, Centro Energea, Milano (IT)
Cambiamento Universale nello Spazio, Spazio Tadini, Milano (IT)
Il Volto, Incarnazione del Sogno, Ex Chiesa Anglicana, Alassio – Savona (IT)

2007
Segni, La Cavallerizza Reale, Torino (IT)

2001
Patchwork 3, a cura di C. Giuliano, Accademia Albertina di Belle Arti, Torino (IT)

2000

Documento Arte 2000, a cura di L. Gierut, Centro Frà Benedetto, Sillico – Lucca (IT)
Antologica Dell'incisione Piemontese, L'isola di San Rocco al ponte delle Ripe, Mondovì – Cuneo (IT)

Mostre collettive:

  • 2016 » Solo Scultura, Galleria Forni, Bologna (I)

Premi:

  • 2012 » Vincitrice del 1° Premio Opera Le vie dell'acqua, Chiostro della Biblioteca Oriani, Ravenna (I)
  • 2012 » Vincitrice del 1° Premio Opera Le vie dell'acqua, Magazzini del Sale, Cervia, Ra (I)
  • 2011 » Vincitrice Premio Ora, Associazione culturale Radar, San Donà di Piave, Ve (I)
  • 2008 » Cammina con l'Arte: Vincitrice del Primo Premio Stonefly, nell'ambito della mostra dall'Accademia alla Fornace, Fornace di Asolo, Tr (I)
  • 2008 » Vincitrice di tre Premi speciali per la Sezione Scultura, Premio Arte Laguna, Fondazione Benetton, Palazzo Bomben, Treviso (I)
  • 2007 » Vincitrice di due Premi Speciali, Premio Arte Laguna, Museo di Santa Caterina, Treviso (I)
  • 2006 » Pagine Bianche d'Autore, Premio e Segnalazione Giuria per il Veneto, (I)
  • 2006 » Il Giardino delle Forme, Premio Arturo Martini, Scultura Veneta Contemporanea, chiostro della chiesa di S. Francesco, Treviso (I)

Alessandra Redaelli

Claudia Giraudo. La saggezza degli oggetti.

Claudia Giraudo. La saggezza degli oggetti.

La dimensione di Claudia Giraudo è quella della meditazione e della lentezza. Niente nel suo lavoro è mai veloce, nulla fugge, ma tutto, ogni singolo personaggio, ogni ambientazione, ogni stanza – anche i paesaggi sullo sfondo – sembra godere di una pace che è data dalla lenta accettazione del tempo come di un dono prezioso, da non sprecare mai e da godere proprio nel suo lento divenire. Anche quando dipingeva saltimbanchi in scena, magari in bilico in situazioni precarie, tutta la scena appariva come pacificata in un'immobilità superiore, in una sorta di saggezza degli oggetti. C'erano i saltimbanchi, sì, e poi c'erano gli arlecchini, i poeti e le poetesse con gli strumenti della loro arte; c'erano le costellazioni e i segni zodiacali raccontati in tele preziose dai dettagli di sapore quattrocentesco. E gli animali, immancabili, protagonisti del circo ma soprattutto emblemi di una sensibilità superiore, di una più profonda – e selvaggia – conoscenza di sé. Ogni tela era contaminazione di simboli, creature e oggetti che andavano relazionandosi in dialoghi serrati e intensissimi. Il melograno e la coppa piena di vino, gufi e farfalle, fanciulli e tarocchi, teatrini e bolle di sapone, rinoceronti volanti e mongolfiere, elefanti arlecchini e ippopotami incoronati d'alloro, tutto andava a comporsi in rime e metafore dipinte come in una poesia visuale. E ogni serie rimandava alla precedente e cominciava a porre le radici della successiva in un unico lungo racconto coerente che ci porta, oggi, ai lavori più recenti, quelli dove l'artista ha sfrondato, ha asciugato il dettaglio, ha concentrato la tensione poetica in un discorso privato tra la persona e l'animale, il suo daimon, la sua anima. E se spesso si tratta di giovani non è un caso. Il daimon del giovane è quello più intenso e vibrante, è il tutto in cui si concentra e si assomma ciò che si dispiegherà con lo scorrere del tempo, nello svolgersi della vita e nel futuro. Addirittura, secondo Philip Pullman, autore del romanzo La bussola d'oro, il daimon dei bambini non ha una forma fissa: cambia a seconda dell'umore e delle circostanze. Ecco allora che si spalanca il ventaglio delle possibilità, ecco la fanciulla su cui si posa la farfalla pronta a una metamorfosi che coinvolgerà lei stessa e la sua anima ancora mutante, in un gioco di rimandi e specchi magici che il pennello dell'artista rende via via più ricco di risvolti inaspettati e di inquietanti colpi di scena.

Video di ANNALÙ

opere dell'artista